Condividi:

cookie che fareSi sta avvicinando una scadenza importante: il 3 giugno 2015 scade il termine per mettersi a norma con legge europea sui Cookie (Cookie Law) e il relativo provvedimento del Garante della Privacy che obbliga i siti internet italiani ad informare i propri utenti riguardo all’utilizzo di cookie collegati ai siti. In realtà, la Cookie Law è attiva già da tempo, ma ora sono state specificate le modalità di applicazione e, soprattutto, le sanzioni in cui può incorrere chi non è in regola.

Non c’è nulla di cui allarmarsi, visto che molti siti internet si sono attrezzati in questo senso già da un po’ di tempo, ma per chi ancora non l’avesse fatto, come previsto dal Garante della Privacy, noi di Aletur consigliamo di far inserire sul vostro sito il prima possibile, e entro il 3 giugno, l’informativa completa sull’utilizzo dei cookie e un banner o un lightbox, ben visibili su tutte le pagine, che rimandino l’utente all’informativa.

Istruzioni e sanzioni a parte, il provvedimento emesso nel maggio del 2014, e che ora sta per diventare operativo al 100%, mira soprattutto a promuovere una procedura semplificata che spieghi agli utenti cosa sono i cookie, in modo che essi possano dare il loro libero consenso senza difficoltà. Il tema della privacy su internet è molto delicato e norme come queste mirano a tutelare tutti quei dati che non sono sensibili ma comunque personali.

Sinceramente pensiamo che un testo precompilato da ampliare oppure delle linee guida più precise facilitirebbero il lavoro di tutti, ma questa volta non è così, nessuno ce le ha fornite e abbiamo fatto moltissimo lavoro da soli, leggendo su internet ed interpellando il nostro Avvocato di fiducia, tuttavia siamo sicuri che nonostante le difficoltà il lavoro fatto possa essere utile a molti.

Oltre che per il rischio di sanzioni, è importante adempiere agli obblighi di legge anche per comunicare ai propri utenti il rispetto che si ha verso la loro privacy. Non smetteremo mai di ripetere che l’attenzione verso i propri utenti/clienti è fondamentale per distinguersi dalla concorrenza ed emergere, oltre che per fidelizzare il proprio target.

Suggerimenti per adempiere alla Cookie Law

Spieghiamo quindi come noi di Aletur abbiamo implementato la richiesta del Garante della Privacy per cercare di mettere in regola il nostro sito rispetto alla legge sui Cookie:

  1. Abbiamo inserito un banner in modalità popup in cui si avverte l’utente che il sito utilizza cookie e che contiene il link all’informativa estesa. Il banner è visibile accedendo da qualsiasi pagina del sito.
  2. Abbiamo creato una pagina informativa estesa contenente:
  • La spiegazione di che cos’è un cookie
  • L’elenco dei cookie utilizzati dal sito e la spiegazione delle relative funzionalità
  • La spiegazione di come disattivare i cookie attraverso il browser internet
  • I link alle informazioni dettagliate dei cookie di terze parti per permettere di disattivarli.
  1. Abbiamo inserito un link all’Informativa estesa sull’uso dei Cookie nel footer, in modo che possa essere sempre accessibile.
  2. Vige inoltre l’obbligo di notifica al Garante della Privacy per cookie di profilazione (ad esempio Adsense).
    A seguire il link per inviare la notifica al Garante della Privacy: http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/488544

Vi suggeriamo di prendere visione della nostra Informativa estesa sull’uso dei Cookie.

Cookie Law: sanzioni

Oltre alle indicazioni su come adempiere alla Cookie Law, il provvedimento che diventerà a tutti gli effetti operativo il 3 giugno 2015 stabilisce anche quali siano le sanzioni in cui si può incorrere in caso di mancato rispetto della norma entro la scadenza fissata. Vediamo insieme quali sono:

  • Per mancato inserimento dell’informativa sui cookie o per una sua versione non corretta, la sanzione pecuniaria è compresa tra i 6.000 e i 36.000 euro
  • Per l’inserimento di un cookie non autorizzato, la pena va dai 10.000 ai 120.000 euro
  • Per mancata o incompleta notifica al Garante della Privacy, quando richiesta, la sanzione è compresa tra i 20.000 e i 120.000 euro.

Per eventuali dubbi o per chiedere una consulenza per mettere a norma il vostro sito, vi invitiamo a contattarci.

Disclaimer dell’autore

Questo articolo è l’interpretazione della legge da parte di consulenti informatici non esperti in materiale legale, pertanto l’articolo va inteso come “consigli e considerazioni” di quello che abbiamo visto e analizzato. Consigliamo di rivolgervi al vostro consulente legale per ogni eventuale dubbio o domanda che abbia valore a tutti gli effetti di legge. La nostra eventuale consulenza è limitata quindi alla nostra comprensione della legge, possiamo tuttavia avvalerci di consulenti legali esperti in materia, qualora il cliente ce ne faccia richiesta.

 

>> Potrebbero interessarti anche

Come cancellare i cookies dal tuo browser

Cookie law cos’è e come funziona ( ne avevamo già parlato mesi fa)

 

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 31 = 32

Show Buttons
Hide Buttons